Sterilità maschile

Definizione

Una coppia si definisce sterile se nell'arco di 2 anni di rapporti sessuali regolari e finalizzati non compare una gravidanza. In questo caso entrambi i partner devono essere sottoposti ad accertamenti.

Incidenza

Il 10-15% delle coppie sono affette da sterilità. La causa è di origine femminile in circa il 40% dei casi, di origine maschile in circa il 30% dei casi e mista nel rimanente 30%.

Produzione del liquido seminale

Lo sperma contiene da un lato gli spermatozoi, dall'altro secreti prodotti dalle vie seminali, dalle vescicole seminali, dalle ghiandole prostatiche e dalle ghiandole di Cowper. La quota maggiore (circa il 60%) dell'eiaculato proviene dalle vescicole seminali. I testicoli hanno una duplice funzione: la spermatogenesi (produzione degli spermatozoi) e la produzione degli ormoni sessuali maschili (in particolare il testosterone). La regolazione ormonale della spermatogenesi avviene mediante l'asse ipotalamo-ipofisi-gonadi.

Diagnosi

L'esame andrologico inizia con una dettagliata anamnesi (malattie dell'infanzia e dell'età adulta, sviluppo sessuale, operazioni, assunzione di medicamenti, esposizione a sostanze tossiche). Alla visita clinica generale segue quella specialistica urologica, volta ad esaminare i genitali esterni ed interni. Gli esami di laboratorio comprendono uno spermiogramma, un dosaggio ormonale di base e un esame standard delle urine. A seconda dei risultati fin qui ottenuti può rendersi necessario anche un esame colturale delle urine dopo massaggio prostatico o dopo eiaculazione. Per escludere un varicocele (vene varicose del testicolo) può essere necessaria un'ecografia duplex. Altre eventuali indagini includono una ecografia scrotale o transrettale e una biopsia testicolare.

Cause

  1. alterazioni della funzione ormonale: deficit ormonale congenito, tumori, etc.
  2. alterazioni della spermatogenesi: anomalie cromosomiche, malattie congenite, lesioni testicolari di qualsiasi tipo (traumi, agenti tossici ambientali), infezioni di testicolo/epididimo, gravi malattie sistemiche, malattie del metabolismo o della sintesi ormonale, varicocele, testicoli ritenuti, etc.
  3. alterazioni del trasporto degli spermatozoi: congenito, post-traumatico, vasectomia, malattia del collo vescicale, malattie immunitarie, etc.

Terapia

A seconda della causa il trattamento consiste nella modificazione di abitudini e usi, assunzione di medicamenti, interventi chirurgici o tecniche di fecondazione assistita.